All posts by Pangender Pansessuale

Fallocentrismo, Vaginocentrismo e controrivoluzione femminista

mirella-izzo
Dopo le polemiche suscitate da ArciLesbica, abbiamo rivolto alcune domande a Mirella Izzo ideatrice del Manifesto Pangender e autrice di “Oltre le gabbie dei generi”.

 

L’estate 2017 non sarà ricordata solo per il grande caldo ma anche per le infelici uscite di Arcilesbica Nazionale, prima contro la GPA e poi nei confronti delle persone transessuali con la pubblicazione dell’articolo inglese sulla loro pagina Facebook.
La comunità LGBT ha preso posizione pro e contro, molte femministe e lesbiche hanno precisato che tali affermazioni non potevano essere fatte a nome di tutte, anch’io ho più volte postato sui vari social #notinmyname o #nonamionome per sottolineare il mio disaccordo con le posizioni di ArciLesbica.

Qualche giorno fa ho letto un’interessante intervista di Mirella Izzo su GayNews e ovviamente l’ho rilanciata su Facebook. Conosco Mirella da un po’ di anni e lei ha subito commentato il mio post proponendo la nota Fallocentrismo e Vaginocentrismo: l’altro verso della stessa “medaglia”. Ovviamente l’ho letta, trovandola molto interessante. E proprio le sue parole mi hanno stimolato alcune domande da rivolgere alla ideatrice del Manifesto Pangender e di Crisalide AzioneTrans, autrice di Oltre le gabbie dei generi e Presidente onoraria dell’associazione Rainbow Pangender Pansessuale Gaynet Liguria.

Ecco le mie domande e le risposte di Mirella Izzo.

Read more… →

Perché tanta violenza sui social contro le donne transgender? Il parere di Mirella Izzo

mirella-izzo

A seguito d’un articolo in lingua inglese postato l’8 agosto sulla pagina Fb di ArciLesbica nazionale si è scatenata una grande polemica nella collettività Lgbti e non. Polemica che è stata accompagnata da un’ondata di violenza verbale sui social network nei riguardi delle donne transgender.

Abbiamo contattato Mirella Izzo, scrittrice, femminista translesbica e presidente onoraria dell’associazione Rainbow Pangender Pansessuale Gaynet Liguria, per raccoglierne l’opinione in merito a quanto sta succedendo.

L’articolo I am a woman. You are a Trans Woman. And that distinction matterspostato l’8 agosto sulla pagina fb di ArciLesbica nazionale, ha suscitato un’ondata di reazione nella collettività Lgbti e, soprattutto, tra le persone trans. Perché a tuo parere?

Vero ma non soprattutto trans. Sono rimasta piacevolmente sorpresa nel vedere moltissime donne della stessa ArciLesbica o anche non lesbiche inorridire di fronte a quel post il cui succo essenziale è che le donne transgender non sono veramente donne. Altrimenti perché chiedere spazi separati e persino bagni separati a causa soprattutto della “differenza che conta”, cioè il pene.

Poi hanno un po’ corretto il tiro parlando di vissuti diversi infantili e di argomenti cui noi non avremmo diritto di parola come, ad esempio, le mestruazioni, la gravidanza e persino lo stupro. Non so se hanno idea di quante ragazze transgender vengono stuprate già in famiglia e non possono denunciare o non ne hanno la forza. Mi chiedo se le donne che hanno uteri “non funzionanti”, che soffrono di amenorrea e non possono avere figli sarebbero accolte da queste lesbofemministe Terf, che in italiano suona come lesbiche radicali trans-escludenti. Per loro le donne trans sono delle imitazioni delle donne “cis”. Sì, cis: ora posso dirlo dopo che il Dizionario di Oxford ha incluso questo prefisso nell’indicazione di genere delle persone, considerandolo giusto. Basterà darci un’occhiata.

Read more… →

La nota politica (finale?) sulla questione Donne transgender e femministe

FALLOCENTRISMO E VAGINOCENTRISMO: L’ALTRO VERSO DELLA STESSA “MEDAGLIA”

In questo ultimo mese stiamo assistendo ad una sorta di controrivoluzione femminista (non tutti i femminismi, per fortuna) che contrappone al #fallocentrismo maschile una sorta di #vaginocentrismo (più chiaro, in questo specifico, di #ginocentrismo) femminile.

Il maschio è fallocentrico biologicamente. Foss’anche il meno possibile influenzato dall’educazione millenaria che ha sulle spalle, fatta di privilegi maschilisti, di patriarcato (a volte buono, ma si tratta di una concessione, non di una cessione di diritto). Lo è perché quando i testicoli si riempiono di sperma, il cervello viene inondato di segnali talmente forti affinché liberi “i sacchetti”, che alla fine lo rendono quasi schiavo dei suoi genitali. A questo punto il maschio si deve liberare. Se vive in un deserto o è particolarmente pigro o “beneducato”, se non ha un “buco” (vagina, bocca, culo, poco importa) in cui riversare lo sperma, a disposizione, si masturberà rapidamente, o se non lo farà potrà avere polluzioni notturne involontarie. Le polluzioni notturne, frequenti da adolescenti, tendono a ridursi in età adulta e se non si è ancora liberato il sacchetto ormai stragonfio si vendicherà lanciando segnali di dolore difficilmente sopportabili (patologizzato, ovviamente, in epididemite). Il maschio quindi cerca la femmina (o altro maschio o altro ancora a seconda dei suoi gusti) a qualsiasi costo. I più beneducati vanno a prostitute o cercano “nel marketplace” una donna con cui passare almeno la notte (se ha la moglie la sveglierà anche in piena notte con un impeto poco frequente che può stupire la donna)… quelli in cui la sottocultura maschilista è assoluta, per cui la donna è, alla fine, proprietà dell’uomo o almeno a sua disposizione, potrà arrivare allo stupro e, per evitare grane, dato che ora le donne iniziano a denunciare, talvolta al donnicidio. Sia chiaro, il 90% dei donnicidi hanno altre origini, modalità, avvengono in ambito familiare ecc. tutte cose che ho ben spiegato, argomentato e anche cercato di trovare escamotage per la donna in caso di “emergenza violenza”, nel libro “Donnicidio: il #femminicidio visto da una donna nata maschio”, censurato o “dimenticato” dal “movimento” dei Gender Studies solo perché traccia ANCHE un profilo biologico che porta i mammiferi maschi ad aggredire le femmine… ripeto ANCHE, da affiancare alla cultura e all’educazione ricevuta.

Read more… →

FOXHUNTING

FOXHUNTING
IL SEPARATISMO DI ARCILESBICA RIFIUTA LE DONNE TRANSGENDER E SI BUTTA, COME NELLA CACCIA ALLA VOLPE, TRA LE GRINFIE DEI PADRONI MASCHILISTI

Con stomaco di ferro e nauseante strumentalizzazione ArciLesbica Nazionale pubblica qualche giorno fa un post di una femminista inglese che reagisce ad uno stupro offendendo le donne transgender come “diverse”, laddove la diversità sarebbe il pene (sic! Non tutte lo hanno. Si fa la differenza?).

Lo stupro è uno degli atti più vigliacchi e gravi dell’espressione di potere sulla donna da parte dell’uomo, la rappresentazione più violenta del maschilismo, seconda solo al “Donnicidio” ed è noto che tale violenza provoca in milioni di donne reazioni psicologiche le più disparate: spesso distoniche. Si và dall’innamoramento dello stupratore seriale e carceriere, all’incapacità di avere nuove relazioni d’amore con altri uomini o anche altre donne. Tutte risposte che psicologi, famiglia, amici tentano di correggere, con il tempo e la pazienza, per migliorare la vita di queste vittime.

La reazione scomposta di questa donna inglese è stato un rifiuto di parlare con le donne transgender perché “il pene fa la differenza”. Comprensibile a livello umano, vomitevole sfruttare questa reazione a livello politico per affermare il nuovo corso di ArciLesbica verso l’antica – e ormai abbandonata dalla maggior parte delle donne – via del “separatismo lesbico e femminista”. Ovviamente quel riportare un breve post senza commenti sul loro Gruppo Ufficiale FaceBook ha ricevuto oltre un migliaio di reazioni negative, per la stragrande maggioranza da parte di donne lesbiche e/o femministe e iscritte all’Associazione. Anche qualche donna transgender ha cercato di smontare la costruzione ideologica di ArciLesbica e, successivamente, il MIT (Associazione storica transgender) ha chiesto conto di queste posizioni che, molto brutalmente, dichiaravano le transgender come “non donne”, dopo un decennio di apertura della stessa Associazione alle “trans”. Essendo MIT e ArciLesbica appartenenti allo stesso movimento L+G+B+T, dove L sta per Lesbica e T per Transgender, con giustezza il MIT ha chiesto conto di questa improvvisa inversione a U da parte della dirigenza nazionale di ArciLesbica, perché non si può far parte dello stesso movimento se non vi è rispetto sia per le differenze e specificità, sia per una considerazione reciproca positiva, un appoggio reciproco delle battaglie comuni e singole del “movimento” e delle Associazioni che la compongono. La risposta di ArciLesbica è stata ancora più dura nei confronti del MIT a cui, dice, di non dovere alcuna spiegazione e che loro andranno dritte verso la loro strada. Una strada che porta diritte le donne che fanno quella scelta in bocca ai cani del Padrone “maschio”, come in una “caccia alla volpe”.

Read more… →

“CASO” BERNARDESCHI: LA PUNTA DI UN ICEBERG

COMUNICATO STAMPA
“CASO” BERNARDESCHI: LA PUNTA DI UN ICEBERG
Sappiamo che uno dei più ben pagati giocatori di calcio italiani ha i mezzi per difendersi dalle polemiche di questi giorni e che, mentre l’odio “social” si concentra su di lui, ogni giorno ci sono persone meno famose con varianti di genere anche piccole, che faticano a trovare un lavoro, quando trovarlo è già difficile per tutti, producendo una esclusione quasi totale (l’esempio più classico e diffuso è per i casi molto visibili delle persone transgender da maschio a donna e, in parte, da femmina a uomo).
Né ci interessa ascrivere Bernardeschi alla “categoria transgender”. Per noi, che siamo ispirati al Manifesto Pangender, ogni variazione, anche solo estetica, dagli stereotipi di genere è figlia della stessa natura che produce i più brutali atti contro persone che non corrispondono agli stereotipi di come deve essere un “maschio”, un “uomo” (in misura inferiore vale anche per le donne).
Ci preoccupa la mentalità che sta dietro l’odio verso Bernardeschi solo per avere indossato abiti “neutri” o comunque non classicamente maschili e con apparenze estetiche femminili. Ci preoccupa l’odio verso chiunque si discosti, anche di una virgola, dal perdurante maschilismo che rinchiude gli uomini dentro una gabbia molto stretta di comportamenti. Mentalità che poi, per i discostamenti più ampi (transgender), diventa anche un odio non più solo “social”, ma con pesanti ricadute nella vita quotidiana, fino al rischio di morte.
Bernardeschi si difende dicendo che quanto indossava erano pantaloni larghi e non una gonna. Difesa debole perché anche i pantaloni larghi appartengono agli stereotipi femminili (la gonna pantalone la usano gli uomini?)… Meglio quando afferma che ognuno/a è libero di vestire come meglio gli o le piace. Ma è un’affermazione che, in un mondo come quello del Calcio, dove il maschilismo trova la sua massima espressione in Italia (il calcio femminile in Italia è trasmesso solo da una tv Europea, non italiana… o le resistenze di molti club di Calcio a lanciare seriamente i settori femminili nel proprio club) viene accolto come inutile e un pizzico arrogante.
Oggi il “caso” Bernardeschi attira l’attenzione mediatica perché riguarda ovviamente un personaggio famoso a cui, neppure la ricchezza e il potere, consentono di buttare giù il muro della mentalità maschilista che oramai è stata introiettata anche da molte donne (sic! Altro che femminismo).
Noi come unica associazione Pangender (tutte le identità di genere, tutti gli orientamenti sessuali tra adulti consenzienti non devono generare classifiche di merito o di “giusto” e “sbagliato”) esprimiamo a Bernardeschi la nostra solidarietà e ci mettiamo a sua disposizione e a disposizione di tutti gli altri cittadini (regolari e non) per consigliare e, ove possibile, aiutare, qualunque persona che subisca discriminazioni a causa della propria identità di genere, ruoli di genere, orientamento sessuale e affettivo e contro gli stereotipi di genere e di orientamento sessuale.
Genova, 29 luglio 2017
Mirella Izzo (Presidente Onoraria)
Federico Acquarone Caprini (
Presidente)

 

Rainbow Pangender Pansessuale Liguria Gaynet
www.pangenderpansessuale.it

Liguria Pride 2017 “Che Genere di Pride!”

 A Genova il 1 Luglio dalle ore16.30 ci sarà LIGURIA PRIDE 2017

organizzato dal coordinamento liguria rainbow di cui facciamo parte

Concentramento alle 16:30 in Via San Benedetto.
Ore 17:30 partenza
Percorso: Piazza Acquaverde, Via Balbi, Piazza della Nunziata, Largo della Zecca, Galleria Giuseppe Garibaldi, Piazza Portello, Galleria Nino Bixio, Piazza Corvetto, Via XII Ottobre, Via XX Settembre, fine manifestazione in Piazza De Ferrari

Il Coordinamento Liguria Rainbow anche quest’anno organizzerà a Genova il Liguria Pride, ormai alla terza edizione!

Questo anno 2017 è iniziato nel nome del gender in risposta all’allarme verso una non meglio precisata “ideologia gender”, dai contenuti misteriosi e minacciosi, diffusosi in Europa come reazione conservatrice contraria al riconoscimento dei diritti delle persone LGBTI. Le manifestazioni contro il matrimonio ugualitario tra persone dello stesso sesso si sono così trasformate in Family Day con l’arroganza di imporre l’esclusiva sulla famiglia, sulle relazioni d’amore, sulla genitorialità.

CHE GENERE DI PRIDE all’arroganza fanatica risponde affermando che anche noi siamo famiglie e desideriamo una società accogliente, dove tutti e tutte abbiano il loro posto, in cui nessuno debba rinunciare a qualcosa per essere accettato e amato. Chi pone l’esclusiva fa del male alle bambine ed ai bambini nati in Italia da genitori non italiani ed alle bambine ed ai bambini nati nelle famiglie omogenitoriali, privandoli dei loro diritti, esponendoli alla violenza dell’offesa e della marginalità; come fa del male alle coppie omosessuali e lesbiche, alle madri single, alle coppie senza figli e a tutti quanti non si riconoscono nella famiglia come era descritta negli anni ’50!

Il Pride è una occasione per tutte e tutti di essere se stessi, rivendicando insieme libertà e pari dignità, un momento politico di affermazione dei diritti di tutti, contro il sessismo, l’omofobia, il razzismo e contro la violenza.

Dopo il risultato del primo turno delle amministrative crediamo vi siano ragioni in più per aderire e partecipare numerosi.  il 1 luglio sarà la prima grande occasione per tirare su la testa, affermare le istanze democratiche e di cambiamento, affermare la politica partecipativa e della solidarietà che non saranno sconfitte dal voto .Al di là del risultato, dovremo tutti e tutte ripartire per ricucire tessuto sociale, rappresentanza e responsabilità: una bella manifestazione è quello che ci vuole!

La Regione Liguria non ci ha concesso il patrocinio, come è accaduto in altre regioni da ultima la Lombardia: dimostreremo che questa politica è distante dalla gente, dai dalle giovani, dalle famiglie reali, dal mondo della scuola che si confronta ogni giorno con i temi della inclusione e del rispetto, per contrastare la violenza in tutte le sue forme.

La parata del Pride terminerà con una grande festa sotto il Tendone all’Expò, una festa di corpi, generi e identità capaci di stare insieme, fuori da ghetti immaginari e reali.

Non manca anche in questa edizione il video ufficiale del Pride, Un Gordiale buonazeraaaaaaa, un invito rivolto a tutta la cittadinanza a partecipare al corteo del 1 luglio da due testimonial d’eccezione: Madre (Simona Garbarino) e il colonnello Dallacintola (Marcello Cesena – Jean Claude)!!

https://www.facebook.com/CoordinamentoLiguriaRainbow/videos/vb.1505596499663992/1886137874943184/?type=2&theater

EVENTO FACEBOOK

In ricordo di Ostilia Mulas “Lilia”

Giovedì 8 Giugno dalle ore 20 presso Casa delle Donne Genova Salita del Prione 26/2, 16123 Genova
Ricordiamo, assieme alla persona con la quale ha condiviso tante battaglie Diana Daini, a tre anni dalla sua prematura scomparsa un’amica, un’attivista lesbo femminista che tanti ponti ha saputo creare tra i femminismi e il mondo lgbt ponendo le basi di quello che oggi è il Coordinamento Liguria Rainbow

EVENTO FACEBOOK

NoChoice: “Dilemmi. Soluzioni impossibili per animi sensibili”

 Venerdi 26 Maggio dalle ore 20 presso Altrove – Teatro della Maddalena Piazzetta Cambiaso 1, 16123 Genova

Lesboeventi, in collaborazione con Coordinamento Liguria Rainbow e Rainbow Pangender Pansessuale, presenta il duo lesbico NoChoice, conosciuto per “Molla i maschi!”, mantra rap della lesbica tardiva, provocatoria risposta alla violenza sulle donne. In questo nuovo concerto teatrale, ci sono dilemmi per tutti i gusti: filosofici, demenziali, pratici e soprattutto sentimentali.

Ogni pezzo delle NoChoice è un divertente dilemma: Esco o sto a casa? Ti lascio o ti sposo? Mangio o digiuno? Quale è la giusta distanza in amore (Lontano o vicino, il dilemma del porcospino)? Quale tipo di vita scegliere: nomade o stanziale, avventurosa o sicura?

Si ride assistendo all’indecisione, all’incoerenza, agli assoluti con cui le certezze vengono affermate e poi smentite un attimo dopo. Un dilemma è infatti un problema che offre un’alternativa fra due soluzioni spesso inadeguate, se non inaccettabili (Muoio o mi ammazzo?).
Fra tanti dilemmi, due stratagemmi: il mantra della lesbica tardiva e la cumbia rap “Sai che la coppia non è più di moda”. E tanta tanta ironia.

Federica Tuzi è una filmmaker nota soprattutto per la serie televisiva “Santiago. Anche le lesbiche sono pellegrine”, in onda su Fox Cult. Ha pubblicato diversi racconti e il suo primo romanzo “Non ci lasceremo mai” ha vinto il premio John Fante 2010.
Merel Van Dijk è una musicista e cantautrice olandese che ha all’attivo due album e numerosi tour in Europa e negli Stati Uniti.

Sottoscrizione volontaria con brindisi di benvenuto dalle ore 20.

EVENTO FACEBOOK